“Sapere qualcosa non equivale a decidere di fare qualcosa. Decidere di fare qualcosa non equivale a farla davvero. Fare qualcosa non equivale a farla bene”.

Ian Cooper

Facciamo una cosa, partiamo alla rovescia

[…e col piede giusto]

N

Non sono un pubblicitario

Per le piccole e medie imprese, come anche per i liberi professionisti, impegnarsi in campagne pubblicitarie tradizionali, è (oggi) una pratica che ti sconsiglio. Non genera risultati, è un tipo di comunicazione unilaterale e passiva, non consente di avere il controllo economico della tua attività, non influenza il ricordo di te nella mente dei consumatori, quando questo serve davvero e neppure li spinge ad acquistare. Praticamente, stai disperdendo i tuoi soldi al vento. Fortunosamente, c’è una nota positiva e te la voglio raccontare subito con sincera ironia: la pubblicità gonfia solo il tuo ego e, a seconda del denaro che butti, può farti diventare conosciuto o famoso. Comunque vada, le tue vendite non decolleranno e dovrai inventarti qualcos’altro per sbarcare il lunario. Le grandi imprese, come le multinazionali, a differenza tua, possono permettersi il lusso di “giocare” con la pubblicità investendo ingenti somme, cosa che tu non puoi e non devi fare.

N

Non sono un tecnico

Spesso è necessario realizzare un sito web o modificarne uno già esistente. Creato il portale, poi, bisogna occuparsi dei modi più consoni per renderlo visibile e farlo emergere fra miliardi di altri siti che popolano il web (campagne Seo, Ad-Words, Fb-Ads, Linkedin ed altro). Servirà, ancora, implementarlo con l’ausilio di un auto-responder. Io non faccio nulla di tutto questo e, quando serve, DELEGO e COORDINO la gestione di questi strumentiavvalendomi di un tecnico di mia FIDUCIA che, come me, si è formato in Direct Marketingsposando la filosofia della Scuola Americana e che, quindi, parla la mia stessa lingua. Tu sarai sempre libero di decidere l’interruzione di tale rapporto.

N

Non sono un filantropo

A differenza dei Baustelle, noto gruppo musicale che stimo e autore della canzone intitolata “Un Romantico A Milano”, io non AMO TUTTI. Mi spiego meglio: navigando nel mio sito, trovi molteplici insegnamenti di valore, spunti eccellenti che puoi adattare ed utilizzare subito nel tuo lavoro. Essendo anche io a capo di un’azienda e dovendo pagare le tasse, le spese e… tutto il resto, non faccio consulenze gratuite e non sono interessato alla partecipazione in progetti presumibilmente profittevoli e promiscui. Tutti i miei servizi e prodotti sono accompagnati da un onorario cristallino, incluso il primo colloquio conoscitivo. Dammi retta, questo è uno STEP importante e necessario per evitare, ad entrambi, preziose perdite di tempo.

N

Non sono un tipo frega-soldi

Ci sono diverse strade per arrivare ad una meta ed io scelgo sempre la via dell’onestà, della correttezza, del rispetto reciproco e della massima trasparenza. Ho una visione giusta del mio business: non sono qui per svuotarti il portafoglio. Se non ti percepisco sintonizzato sulla mia stessa frequenza d’onda, consapevole di NON poter fare qualcosa di buono per te, non mi occuperò del tuo marketing professionale. Il mio compenso è sempre e solo la conseguenza di un lavoro “importante” che so di poter svolgere e portare a termine “efficacemente”. Se non posso esserti d’aiuto, perché io per primo non ci vedo chiaro, senza un clima di serenità globale, faccio tre passi indietro e tu non spendi nulla.

N

Non sono un tuo amico

L’enciclopedia Treccani, definisce il concetto di amicizia come “vivo e scambievole affetto fra due o più persone, ispirato in genere da affinità di sentimenti e da reciproca stima. La stima e l’empatia che ben vengano ma, a differenza dei propri genitori, fratelli, sorelle e parenti, io gli amici me li scelgo e li seleziono. L’amicizia è una cosa seria e non ha nulla a che fare con il numero di contatti sulla propria pagina FACEBOOK. Fra me e te, quindi, può solo sussistere, com’è giusto che sia, un rapporto di natura puramente professionale.

N

Non sono il tuo commercialista

È chiaro che sono in grado di interpretare il bilancio di un’azienda, ma non è questo il punto. Se il tuo commercialista di fiducia ti contatta solo per informarti sulle somme da pagare quando, invece, dovrebbe soprattutto discutere di metriche come (esempio) il costo di acquisizione cliente ed il rapporto tra il valore ottenuto nel tempo da quest’ultimo e il suo costo di acquisizione, forse ti converrebbe cambiarlo.

N

Non sono un imprenditore seriale

Effettivamente è proprio così: seriale è un termine che mi inquieta e non poco. Essere specializzati ed esperti in un determinato campo, non equivale necessariamente ad essere titolari di tante imprese. A ciascuno i suoi meriti e valori in cui credere. Il lavoro che svolgo è frutto di una sincera scelta personale. Ciò che tocco non si trasforma in oro.

N

Non sono un terrorista

La mia professione si basa su costanti comunicazioni informative, autentici insegnamenti che generano relazioni di valore, potenziano e rinvigoriscono il sapere di imprenditori e professionisti che, liberamente, decidono di seguirmi. Quando scrivo o realizzo un video, quindi, esternalizzo dei concetti forti che possono impattare bruscamente con la tua sensibilità. Ma più che una questione di terrorismo, è solo una maniera per renderti consapevole dell’importanza di certi aspetti della tua attività, che altrimenti non coglieresti.

N

Non sono un accademico

I professori universitari o i neo-laureati, e ti parlo delle grandi menti, da un lato sono persone estremamente competenti, mostri sacri delle più autorevoli teorie economiche e finanziarie, dall’altro, invece, posti al comando di un’azienda, possono essere altrettanto bravi nel fartela fallire senza capire nemmeno il perché. Non è una questione di titoli. Ciò accade come conseguenza del fatto che sono distanti dalla realtà pratica che serve ad un’impresa per funzionare. Purtroppo il nostro sistema universitario, come anche quello scolastico, sembrano progettati più per dare lavoro a chi è assunto piuttosto che per altre finalità. Siamo tanto indietro da questo punto di vista. In particolare, poi, il marketing in Italia è una scienza ancora troppo sconosciuta, sospetta e quasi sempre confusa con la pubblicità. In altre parti del mondo, soprattutto negli Stati Uniti, il marketing è ovunque, persino nelle chiese guidate dai pastori. In America, si insegnano delle teorie e delle tecniche di marketing differenti, più utili per il sostentamento delle imprese e, comunque, in un’ottica diametralmente opposta a quella Italiana. Quindi, sono una persona professionalmente formata, entusiasta e curiosa, che provvede ad aggiornarsi costantemente e che ha fatto una scelta coraggiosa, specializzandosi come consulente aziendale esperto in direct marketing.

N

Non sono un coach

Essendo il coach un professionista, non necessariamente psicologo-psicoterapeuta, che aiuta a sviluppare la propria personalità e a riuscire nella vita, negli studi, nel campo del lavoro e, a volte, pure in quello sentimentale, è evidente che il mio lavoro non abbia nulla a che fare con questa figura. Quello che faccio è lavorare assieme all’imprenditore o al libero professionista, per la risoluzione di questioni legate al marketing.

N

Non sono uno psicologo

Sebbene sia un intrepido appassionato ed eterno studente instancabile di psicologia dal lontano 2002, non spetta a me comprendere i blocchi o le cause dei tuoi traumi per cercare di riattivare le potenzialità latenti della tua anima dormiente.

N

Non sono un tuttofare

Certo a casa mia lavo i piatti, uso l’aspirapolvere e faccio regolarmente la lavatrice, ma per te che leggi e hai l’azienda, mi occupo SOLO di marketing in chiave professionale. Ad esempio, se dovesse servire un coupon, sarai costretto a rivolgerti al tuo tipografo di fiducia.

N

Non sono il leader

Se puoi permetterti di rivolgerti direttamente al leader (o al co- leader), fallo! Individualo, contattalo e non procrastinare. Il mondo è saturo di primi della classe e a te spetta fare l’opera di discernimento.

N

Non sono un saccente

Essere istruiti in un determinato campo e sapere di avere specifiche potenzialità, da mettere diligentemente in pratica per il tuo bene ed il progresso dell’azienda, non ha nulla a che fare con l’essere arroganti o boriosi. Che se la tirino gli altri, qualunque sia la loro motivazione.

N

Non sono un programmatore neuro-linguista

Ignoro volutamente i possibili benefici connessi all’uso della PNL. Non mi interessano e non è mia intenzione dilungarmi in tal senso. Ciò che però devi sapere è che, pur non creando contenuti per te, sono competente in scrittura persuasiva intesa come COPYWRITING A Risposta Diretta. A mio parere, e non solo mio, c’è un’abissale differenza tra le due discipline e a dimostrarlo sono soltanto i fatti.

N

Non sono un’entità soprannaturale

Sia chiaro, non sono una persona che millanta poteri o doti straordinari. Non sono uno stregone, un guru, uno sciamano, un mago, un santone, un sensitivo e neppure un alieno scappato dal pianeta URANO in cerca di fratellanza universale. Svolgo una professione affascinante, quella del consulente, dobbiamo solo rimboccarci le maniche e lavorare duro.

E dopo tutti questi chi non sono, forse, vorrai sapere chi sono!

Ciao sono Frank Lanterna®, all’anagrafe Francesco D’Agostino. Se ti stai chiedendo il motivo per cui mi sono occultato dietro questo nome d’arte, regolarmente registrato, ti accontento subito: non l’ho fatto!

Chiarito questo concetto di fondo, ci tengo a farti sapere che la mia formazione è interamente strutturata su una serie di insegnamenti cardine, figli della migliore scuola americana di marketing.

In conseguenza di ciò, come segno di rispetto, ho deciso di americanizzare il nome.

Il cognome, invece, simboleggia quell’oggetto che, avendo proprietà illuminante, apporta luceladdove regna il buio” dell’imprenditore.

Nella vita ho tagliato diversi traguardi nel campo della radio, del doppiaggio cinematografico e dell’informatica. Non c’è spazio solo per il lavoro… faccio anche volontariato. Mi piace volare, adoro il cinema d’autore e simpatizzo per i cani di piccola taglia.

E

A chi mi rivolgo

Principalmente ad imprenditori con aziende presenti su tutto il territorio nazionale, dai 4 ai 14 dipendenti ed un fatturato che oscilla tra i 700.000 e i 9 milioni di Euro. Questo perché ho riscontrato BENEFICI OTTIMALI in clienti aventi tale connotazione. Aiuto anche professionisti ambiziosi, purché in grado di poter sostenere il giusto investimento nel marketing. Non mi interessa avere a che fare con tutti.

E

Cosa posso fare per te

  • Un’analisi della tua impresa e della tua concorrenza nella sua interezza e la stesura di un report di pre-analisi calibrato nel quale ti spiegherò COSA FARE e COME FARLO.

  • Progettarti, successivamente, un sistema di Marketing A Risposta Diretta da implementare anche mediante l’ausilio di un’auto– responder.

  • Fornirti specifici servizi e prodotti di supporto di facile accesso.

  • Occuparmi della tua formazione avanzata in Marketing.

E

Perché dovresti preferire me?

A ben pensarci, potrei non essere sufficientemente esaustivo in poche righe. Non è affatto semplice rispondere ad un quesito del genere. In giro avrai sentito che: se sono simpatico, se sono affidabile, se ispiro fiducia, se offro qualità, se sono cortese, allora è probabile che qualcuno acquisti da me (non oso pensare cosa accadrebbe se dovessi esserti antipatico). Meglio mettere da parte alcuni di questi parametri, non certo la fiducia, per concentrarti su come perfezionare il tuo business. Sai, le realtà aziendali sono arzigogolate e a sé stanti ed io conosco un sistema SEGRETO che, se adattato ed applicato con arguzia ed una certa pratica al tuo settore, potrebbe farti ottenere delle importanti soddisfazioni economiche. Il sistema si chiama Direct Marketing, mentre il segreto è lavorare SODO e in modo CORRETTO.

Ricorda: il consulente che tende imboscateai propri clienti non può avere vita lunga in un mercato come quello di oggi