LANTERNA

Avere un’azienda focalizzata è un processo molto complesso che – più o meno – possiamo sintetizzare così: quanto più sei grande… tanto più devi essere concentrato come un laser. Quanto più sei piccolo… tanto più devi essere concentrato come un laser, purché la tua nicchia di lavoro sia sufficientemente grande da poterti fare campare bene.

Tuttavia, la maggior parte delle aziende fatica a stabilire un piano di attività di marketing che porti alla crescita effettiva e all’aumento delle entrate per il proprio brand. Ecco perché, se parliamo di direct marketing, ti tornerà utile misurare il ROI delle tue campagne, vantaggioso per comprendere l’efficacia o meno delle attività sviluppate sul web e off-line.

Hai difficoltà a misurare il ROI delle tue attività soprattutto se digitali?

Se è così, eccoti 5 modi (provati e veri) per misurare più accuratamente il rendimento delle tue campagne.

  1. USA GLI URL DI TRACCIAMENTO PER TUTTE LE TUE CAMPAGNE DIGITALI

Per assicurarti di avere una chiara comprensione del rendimento della tua campagna di digital marketing, devi iniziare a utilizzare gli URL di tracciamento per tutte le tue campagne di marketing digitale. I parametri di tracciamento possono essere aggiunti a qualsiasi URL utilizzato per le tue campagne di marketing digitale, ad esempio, in caso di una campagna Facebook, e quindi si invia traffico a una pagina di destinazione specifica anziché utilizzare un URL alla pagina di destinazione semplice, così è possibile impostare anche i parametri di monitoraggio dell’annuncio su questo URL che può quindi passare al tuo sistema di tracciamento o CRM / Autoresponder. Queste metriche verranno inviate al tuo sistema ogni volta che qualcuno clicca sul tuo link. Il sistema di tracciamento degli URL più utilizzato si chiama UTM (Urchin Tracking Module) che include cinque varianti dei parametri URL utilizzati dagli esperti di marketing per tracciare il successo delle campagne di marketing online.

  1. CONFIGURARE I MODULI PER ACQUISIRE LEAD

Molti CRM dispongono di un generatore di moduli in cui è possibile definire i campi e lo stile degli stessi. Puoi quindi prendere il codice del modulo e aggiungerlo al tuo sito Web: ciò garantisce che un record di contatti venga creato o aggiornato all’interno del tuo CRM ogni volta che viene inviato un modulo, utilizzando l’URL specifico.

  1. TRASMISSIONE DEI DATI DEL MODULO AL CRM

Ora che hai configurato i tuoi moduli di contatto sul tuo sito web, è tempo di pensare a come i dati del modulo vengono passati al tuo CRM. In termini semplici, quando qualcuno invia un modulo Web, viene creato o aggiornato un nuovo contatto nel CRM e le informazioni sull’origine del Lead verranno archiviate in un campo personalizzato.

  1. DEFINISCI LE SPESE DELLE TUE CAMPAGNE

Se stai utilizzando un buon CRM, ti consentirà di definire le spese per ciascuna fonte utilizzata per la tua campagna. Dovresti essere in grado di definire un intervallo di date rispetto a quando sono state sostenute le spese e se si tratta di una spesa ricorrente mensile o una spesa una tantum, tagliando in questo modo i costi superflui.

  1. ELABORAZIONE DEGLI ORDINI TRAMITE IL TUO CRM

Ogni volta che vendi un prodotto o un servizio devi registrare la vendita nel tuo CRM. I siti di e-Commerce possono essere integrati con un CRM in modo che gli ordini vengano registrati automaticamente quando qualcuno acquista qualcosa online, tuttavia gli acquisti offline devono essere elaborati manualmente nel sistema.

N.B. – Non è sempre necessario ricorre ad un buon CRM. In tantissimi casi è sufficiente gestire un’Autoresponder. Io utilizzo Active Campaign che è straordinario.Tu, invece, sei fermo al Microsoft AUTLUK….?

Frank Lanterna

 

INFO@FRANKLANTERNA.COM