Osservando bene la foto che accompagna questo articolo, noterai delle persone statuate. Persone sì, ma che sembrano delle autentiche statue.

Ora, se tu che leggi hai tatuaggi sulla pelle, poco importa. Perdonami il gioco di parole.

La discussione, infatti, qui verte sul fatto che:

  1. non hai un sistema di marketing in azienda;

  2. fai (e non è neppure detto) delle cose astratte per sentito dire;

  3. ti incazzi come una iena con i tuoi collaboratori e soci e non cavi un ragno dal buco uguale;


Cazzavillani

Magari un giorno deciderò di scrivere un intero libro totalmente dedicato alle peripezie aziendali dell’ormai famoso Geometra Cazzavillani, un personaggio di mia fantasia che incarna perfettamente l’imprenditore “tipo” italiano.

Essì, perchè in America non funziona mica così.

Puoi menartela quanto vuoi e continuare a sostenere la tesi che sono troppo fissato per questi americani.

Problemi tuoi. Intanto, il titolo del mio libro immaginario, dovrebbe essere proprio quello che hai letto: la tragedia di un uomo ridicolo.

Ma chi è questo uomo ridicolo?  

Tu, caro imprenditore che – nel 2019 – stai ancora pensando che tra te e il marketing della tua azienda ci sono solo 407 mucche allevate con l’ausilio della musica classica.

Non voglio mandarti in confusione. NO! E’ giusto, però, che tu sappia che sto parlando di una montagna da scalare e che – per te che sei a zero – c’è una salita molto ripida da affrontare.

Prima sali, prima ti troverai a favore di gravità e il tuo fatturato schizzerà alle STALLE (mucche e tutto!).

Prova semplicemente a pensare che le cose si fanno un passettino alla volta. Il tuo primo passettino, ad esempio, dovrebbe essere quello di renderti parte attiva del tuo marketing aziendale  di farti aiutare in questo.

Poi, poi ti garantisco che ci prenderai gusto.

Un giorno alla settimana.

Io ti chiedo di staccare dall’azienda 1 giorno alla settimana e di dedicarti al marketing… assieme a me, of course. 

E la vita professionale ti sorriderà!

[info@franklanterna.com]